domenica 13 marzo 2016

SCOTT JOPLIN



 SCOTT JOPLIN

Vi invio un link di grandissimo interesse “Il meglio di Scott Joplin” che,  come tutte e tutti ormai sapete, è stato un grandissimo compositore afroamericano vissuto  in America fra la fine del 1800 e gli inizi del 1900. Nel link ascolterete parecchi brani di questo talentuosissimo musicista. Contemporaneamente vi prego di osservare con estrema attenzione le immagini delle copertine degli spartiti che via via vi scorreranno sul link.

Vi accorgerete che, mentre sulle copertine dove sono raffigurati i bianchi, essi sono fotografati con la loro fisionomia, quando invece sono raffigurati gli afroamericani, vi balzerà agli occhi come i civilissimi e cattolicissimi bianchi di merda hanno raffigurato gli americani di origine africana usando bruttissime e ridicole caricature degli africani e delle africane che sono raffigurati in maniera grottesca e pacchiana, spesso vestendoli da clown. C’è anche qualche disegno di bianche e di bianchi, ma molto stilizzati e per nulla ridicoli, vedi i due che ballano il charleston.

Questi clown, questi pagliacci dalla pelle nera, guarda guarda  hanno regalato all’umanità una grande musica. Scott Joplin è stato uno dei primissimi musicisti afroamericano e ha inventato un genere musicale dalla “forma” inconfondibile così come è inconfondibile la “forma” della musica di Bach. Detto con altre parole, così come Bach aveva la sua forma, Scott Joplin aveva la sua, una serie di giri armonici della lunghezza di sedici misure, si poteva continuare all’infinito.   

I cattolicissimi e civilissimi uomini bianchi, provenienti dall’Europa, si erano distinti in America per lo spaventoso genocidio della grande nazione indiana e poi per aver deportato e stuprato più o meno una dozzina di milioni di varie etnie africane. Etnie nelle quali è nata la nuova musica, mentre quei grandissimi figli di puttana di civilissimi e cattolicissimi bianchi erano e sono ancora capaci di costruire la Fratellanza Ariana e il Ku Klux Klan.

Meditate moltissimo su tutto ciò, mie carissime amiche e  miei carissimi amici. Non lamentiamoci poi se qualche africano contemporaneo comincia ad essere seriamente incazzato con noi bianchi. Ci sono un paio di fotografie di Scott Joplin, osservate che bel tipo di persona, che grande dignità. La foto è circa del 1895.


Nel link qui sotto assisterete ad una scena di un film su Scott Joplin girato negli anni settanta del secolo scorso. In una taverna rumorosa c’erano due pianoforti che erano suonati da due “duellanti” che suonavano contemporaneamente e si esibivano per mostrare la loro bravura. Ogni tanto quando i pianisti non avevano più niente da dire, il proprietario dell’osteria diceva loro di smettere. Ad un certo punto subentra il giovane Scott Joplin che incanta tutti, ed ha anche la fortuna di essere ascoltato da un editore bianco dal buon fiuto che immediatamente lo coopta. È un film parecchio interessante e ben girato. Un’ultima annotazione: i due ragazzini  che ballano in fine link sono straordinari.

https://youtu.be/NOi9K7yZ6QA
Anni ’70 / Scott Joplin Movie Dueling Piano Competition Scene

Se poi volete saperne di più su quei “gentiluomini” del Ku Klux Klan date un occhiatina a questo altro link. franz falanga